Alessandro Mannarino ed il Vino degli Stornelli Romani

Club del Vino è un portale per gli amanti del Vino. Su Club dl Vino puoi divulgare il tuo expertise, la tua passione, i tuoi vini o i tuoi prodotti enogastronomici. Per maggiori informazioni segui il link: https://www.club-del-vino.com/it/blog-vino/

Brano: Me So’ Mbriacato

Autore: Alessandro Mannarino

Album: Bar della rabbia

Anno: 2009

Il Vino la fa da protagonista nel mondo musicale di Alessandro Mannarino, nellae sue performance da stornello di osteria.

Ovviamente a leggere il titolo: “Me so ‘mbriacato”, non si può che pensare ad una sbronza da vino.

Invece qui nessuno beve vino, né altro tipo di bevanda alcolica, peraltro.

 


Leggi anche ⇒ Il Vino e Vinicio Capossela – Che coss’è l’amor


 

Il vino entra come metafora, anche abbastanza indiretta, degli effetti dell’amore che come il vino, ci lascia senza controllo delle nostre azioni.

 

Vino negli stornelli di Alessandro Mannarino

 

In realtà il vino non è mai citato in forma diretta nel testo di questa canzone, ma al ritornello di “me so ‘mbriacato” non si può che pensare al nettare di bacco.

Il protagonista della canzone parla di quello che sente per la sua donna e si esprime con termini molto imagetici. Rappresenta la situazione dei due insieme come una tazza di te, che fa pensare al caldo che sente, in cui tutto si scioglie e anche il pavimento sembra crollare.

Poi la donna passa ad essere il piacere e la soddisfazione del protagonista, che quando è con lei non ha neanche bisogno di mangiare. Addirittura arriva a camminare con una postura migliore. Tutto questo romanticismo sfocia nel ritornello dove il nostro eroe ci fa capire che in realtà è in stato di ebrezza per la amata, vanificando di fatto tutte le belle associazioni metaforiche e romantiche narrate nelle strofe anteriori.

È importante notare che Mannarino è più un animale da palco che un cantante da stereo in casa (come magari può essere De Gregori), quindi se non ci sei mai stato, ti consiglio di avventurarti in un suo concerto…e non dimenticare di portarti la tua bella bottiglia di vino..;).

Qui di seguito troverai testo e música della canzone. Se vuoi indicare una canzone italiana o straniera che ha a che fare con il vino, lascia pure un tuo commento o entra in contatto con il Club del Vino.

 


Leggi anche ⇒ Alcool e Tom Waits: The Piano has been Drinking


 

Testo della canzone: Me so’ Mbriacato

Quando io sono solo con te
sogno immerso in una tazza di the
ma che caldo qua dentro
ma che bello il momento.
Quando sono con te
non so più chi sono perché
crolla il pavimento
e mi sciolgo qui dentro
Quando penso a te
mi sento denso perché
io ti tengo qua dentro di me
io ti tengo qua dentro con me.

Me so’ ‘mbriacato de ‘na donna
quanto è bbono l’odore della gonna
quanto è bbono l’odore der mare
ce vado de notte a cerca’ le parole.
Quanto è bbono l’odore del vento
dentro lo sento, dentro lo sento.
Quanto è bbono l’odore dell’ombra
quando c’è ‘r sole che sotto rimbomba.
Come rimbomba l’odore dell’ombra
come rimbomba, come rimbomba.
E come parte e come ritorna
Come ritorna l’odore dell’onda.

Quando io sono solo con te
io cammino meglio perché
la mia schiena è più dritta
la mia schiena è più dritta
Quando sono con te
io mangio meglio perché
non mi devo sfamare
non mi devo saziare con te

Me so’ ‘mbriacato de ‘na donna
quanto è bbono l’odore della gonna
quanto è bbono l’odore der mare
ce vado de notte a cerca’ le parole.
Quanto è bbono l’odore del vento
dentro lo sento, dentro lo sento.
Quanto è bbono l’odore dell’ombra
quando c’è ‘r sole che sotto rimbomba.
Come rimbomba l’odore dell’ombra
come rimbomba, come rimbomba.
E come parte e come ritorna
Come ritorna l’odore dell’onda.

 


Leggi anche ⇒ L’ Arte Enoica di Arianna Greco – dipingere quadri d’arte con il vino


 

 


Leggi anche ⇒ Film sul Vino: Il Bisbetico Domato con Adriano Celentano 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.