Taste Hunter&Smart Wine + Chief Content Officer

 L”ARTE”

DEL PANETTONE

il Maestro Pasticciere Dario Loison

Cari miei amici di VIPLANDIA….parlando di Natale, raccontiamo la storia di Loison, una dinastia di  panettieri di provincia che divennero  produttori di dolci natalizi e artigianali. Famosa per la produzione di dolci natalizi e pasquali, iniziò negli anni Venti del Novecento, quando Tranquillo Loison era solo un garzone in un panificio a Bastia di Rovolon, in provincia di Padova.

 

Sonia e Dario Loison

Nel 1934 Tranquillo inaugurò il suo forno a legna per la panificazione a Motta di Costabissara, dove produceva focacce con fichi e uvetta.Nel 1969 si trasforma in un laboratorio artigianale per i dolci lievitati. Nel 1955 subentra il figlio Alessandro che realizza e vende panettoni e pandori artigianali. Alessandro per distribuire i prodotti, era passato dalla bicicletta alla Fiat Topolino, che gli permise di aumentare il numero dei clienti, raggiungendo anche l’Altopiano d’Asiago e nel 1969 l’azienda iniziò a distribuire i propri prodotti in tutto il Veneto.

Dario e l’Orsacchiotto

Ma la svolta internazionale avviene nel 1992 quando entra nell’azienda Dario che mescola sapientemente gli ingredienti della tradizione con quelli dell’innovazione, portando nuove sfide di prodotto e di mercato, esportando così in tutto il mondo un’eccellenza del made in Italy. Non appena approda in azienda Dario Loison stravolge la tradizionale comunicazione e le consolidate strategie di business per intraprendere l’esplorazione della rete ed afferrare le sue potenzialità. Inizia così a costruire la sua rete di business e contatti attraverso il web.

Nel 1996 apre un primo sito web che gli porta le prime due vendite online: in Svezia con 400 panettoni e in Giappone presso una gelateria. Il principale strumento di comunicazione aziendale diviene l’email, soppiantando il telefono. L’utilizzo della rete e degli strumenti digitali ha anche un altro vantaggio per il pasticcere imprenditore: abbatte distanza con il cliente finale ed apre al dialogo diretto che accelera il lavoro commerciale e di marketing, grazie ai suoi feedback.

Fase capovolgimento del panettone

L’azienda punta alla velocizzazione nelle risposte alle varie esigenze del cliente e sulla trasparenza, puntando alla fidelizzazione. Il sito infatti si arricchisce negli anni di informazioni dettagliate, cataloghi, schede tecniche dei prodotti che mettono in rilievo il processo produttivo e l’artigianalità. E le schede di degustazioni servono per effettuare ricerca e sviluppo online insieme al cliente, per migliorare costantemente l’azienda. Oltre che col cliente Loison cerca il dialogo diretto anche con gli opinion leader di settore, puntando al networking. Inoltre, sbarca su ebay e successivamente nasce lo Shop on line Loison. Secondo le antiche leggende il Panettone nasce a Milano nel 1476 e come per ogni grande scoperta, avviene per un “errore” in cucina che permette di far assaggiare a Ludovico il Moro il “Pan de Toni”. E Loison propone il classico Panettone di Milano, realizzato secondo la più tradizionale ricetta, e attraverso un’accurata e attenta selezione degli ingredienti con certificazione di origine controllata. La pasticceria Loison utilizza infatti per i suoi prodotti, la pregiata ed aromatica vaniglia naturale del Madagascar, presidio Slow Food, il sale marino integrale di Cervia, i canditi delle arance di Sicilia, il cedro di Diamante di Calabria, il mandarino tardivo di Ciaculli, il fico di Calabria, il chinotto di Savona, l’uvetta sultanina della Turchia e il pregiato cacao del Sud America. Ed oltre al classico panettone produce numerose varianti: al Regal Cioccolato, al Mandarino tardivo di Ciaculli, al Marron Glacé, all’Amarena, alla Camomilla, alla Rosa Damascena e allo Sciroppo di Rose Liguri, Presidio Slow Food. Inoltre, Loison non produce solo panettoni e pandori, ma anche colombe e altri tipi di prodotti dolciari come biscotti e soprattutto la Veneziana, la focaccia dolce di origini popolari che si è arricchita di vari versioni oltre la classica, al Mandarino tardivo di Ciaculli, al Pistacchio di Bronte e all’Amarena e Cannella. Panettoni dal profumo intenso, inconfondibile, elegantemente confezionati quasi fossero gioielli. Il successo di Loison è di squadra: Sonia Pilla, la moglie di Dario, interior designer, si dedica al lussuoso packaging dei prodotti, non vincolato alle festività, studiato per essere funzionale e riutilizzabile. Insieme rappresentano la terza generazione della Loison. Dario è il genio imprenditoriale, per lui tradizione ed innovazione non sono binari paralleli, ma due ambiti strettamente connessi; Sonia è l’anima romantica e nostalgica, colei che ha creato lo Stile Loison, l’espressione del perfetto design ed insieme non si fermano e non smettono mai di creare. Loison è diventato un marchio del migliore made in Italy, di cui andare fieri.

La Signora Sonia Pilla Loison

“Volevo scrivere qualcosa che lasciasse il segno”, parole di Dario “Guardare sempre avanti, certo, ma nel rispetto della nostra storia. Puntando sulla più assoluta qualità e trasparenza. Sulla genuinità senza trucchi”. Loison è presente in modo efficace ed efficiente su tutti i principali social media da Facebook a Twitter, passando per LinkedIn e Google+, fino ai social visual come Pinterest, Instagram e al canale You Tube per un sapiente ed accattivante storytelling aziendale che valorizza il brand. Inoltre l’apertura al mercato globale e all’e-commerce spiega la scelta di utilizzare per lo più la lingua inglese sui profili social dell’azienda dolciaria. Lo storytelling enogastronomico di Loison è davvero innovativo in quanto considera il panettone non un dolce esclusivamente natalizio ma da gustare durante tutto l’arco dell’anno, un ingrediente per impreziosire qualsiasi portata e menù. Grazie alla collaborazione con importanti chef, blogger, amici, sono nate sofisticate ricette. Crostini di panettone che vanno ad accompagnare la burrata con alici, caviale, o la zuppa di baccalà, o ancora la polvere di panettone che si va ad aggiungere al risotto allo zafferano o alla crema di riso allo zafferano con scampi marinati, o anche alla torta di cioccolato, alle cialde di caffè e al gelato al dulce de leche.

Dario Loison e lo chef Gennaro Esposito

E da circa un annetto il blog di Loison si è arricchito anche di video-ricette e video-interviste uploadate sul canale YouTube. Per conoscere nel dettaglio la storia di Loison Pasticceri dal 1938, la gamma di prodotti e conoscere sedi e punti vendita è possibile consultare il sito aziendale www.loison.com.

IL MUSEO LOISON

Loison si muove anche in altre direzioni che vanno oltre il mondo dei panettoni come il Museo e la Biblioteca Loison con l’archivio storico di cartoline, oggetti d’antiquariato e libri sulla storia della panificazione e della pasticceria, per un modo diverso di fare, respirare e diffondere cultura. Loison Museum racconta 75 anni di arte pasticcera, tre generazioni che si sono susseguite in una storia che inizia da un antico forno a legna per divenire un’azienda artigianale conosciuta sui mercati internazionali.

Negozio Loison

Il museo si articola in una sala espositiva e di una educational room riservata alle visite aziendali e alla didattica per le scuole e le università ed è possibile ammirare i macchinari, gli utensili dell’arte della pasticceria artigianale e documenti, cartoline, giornali, manifesti del gusto.

https://museum.loison.com

E non c’è da stupirsi per la pioggia di premi all’edizione 2018 del Merano Wine Festival: ben cinque “The WineaHunter” assegnati all’azienda di Costabissara, riconoscimenti d’eccellenza per i prodotti che si distinguono per valorizzazione del territorio e qualità superiore: premiati con quattro Panettoni Gold (ai limoni, alla rosa, al cioccolato e spezie, alle albicocche e spezie) e un Panettone Rosso (con nerosale al cioccolato e caramello salato).

Loison Museo del Panettone

Non finisce qui: Dario domina anche la seconda edizione di Foodcommunity Awards 2018, primo posto nella categoria Food Story. È sua la storia dell’anno, con la motivazione: “Pasticceri da tre generazioni, esporta i suoi prodotti in 55 paesi. Le università di tutto il mondo studiano il modello-Loison, connubio tra tradizione e innovazione”.

Dario Loison

Apprezzati dalla famiglia Agnelli, sbarcati a Buckingham Palace, i panettoni Loison sono riusciti a conquistare perfino il Vaticano, prima con Wojtyla e ora con Papa Francesco. Un simbolo del Natale italiano che nasconde la ricetta del successo: lavoro, eccellenza, visione del futuro.

Vi auguro un Dolce Natale!

Dario col figlio Edoardo

DOLCIARIA A. LOISON Srl – SS. Pasubio, 6 – Costabissara (VI) – Italy –

Tel: +39 0444 557844 | Fax: +39 0444 557869 Email: loison@loison.com

www.loison.com.  museum.loison.com

Taste Hunter & Smart Wine GC….Considerazioni Finali

Origini semplici, prodotti genuini, dolci della tradizione. Nel panettone Loison ci sono 72 ore di lavorazione, burro e panna freschi, latte Alta Qualità, vaniglia Mananara del Madagascar Presidio Slow Food, scorze candite di arance di Sicilia e di cedro di Diamante, sale marino integrale di Cervia. Un panettone fin troppo bello e sensuale, basso, composto e ben lievitato, con il doppio taglio a croce che forma una stella sulla cupola color cuoio. Profumi, gusto e aromi sono quelli di un panettone artigianale molto buono e fatto ad arte, con gradevoli note tostate, di cereali cotti, burro, canditi e vaniglia accompagnati da accenti forzate e vintage. Dolcezza contenuta, buona presenza di frutta in quantità e proporzione. Da questi valori si fonda la storia della famiglia Loison, tre generazioni di pasticceri, per accompagnare il gusto e le feste nelle tradizioni degli italiani e di i molti nel Mondo!…non dovrebbe mancare nelle migliori tavole e non solo panettone……Buon Natale cari miei amici di VIPLANDIA e alla prossima avventura… Cin…Cin!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.