cena sotto le stelle alle Cantine Antinori

23 anni, Social Media Manager, comunicatore del vino con @italian_wines su Instagram, laureato in enologia e semplicemente amante del buon vino e delle eccellenze italiane.

Venerdi 28 Agosto: ho avuto la fortuna di essere invitato nella tenuta Le Mortelle a Castiglione della Pescaia, in Maremma.

L’evento dal nome “Cena sotto le stelle” riguardava una cena nel giardino della tenuta con piatti cucinati dagli chef della JRE, un’associazione dei miglior giovani ristoratori europei.

Grazie a @italian_wines ho avuto l’opportunità di visitare anche la cantina accompagnato da Duccio Leoni, dell’ufficio immagine e comunicazione Antinori, e da Fabio Ratto, direttore ed enologo di Pian delle Vigne e responsabile di Fattoria Le Mortelle.

 

La Fattoria Le Mortelle

Si estende per 270 ettari di cui 160 piantati a vigneto, prevalentemente a Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Sangiovese, oltre a più recenti impianti come Vermentino, Ansonica e Viognier.

 

un calice di vino delle cantine Antinori

 

L’azienda è stata acquistata dalla famiglia Antinori nel 1999 con la convinzione che l’area fosse altamente vocata alla produzione di vini di qualità.

 

La cantina

In gran parte interrata essa è stata costruita sfruttando la termoregolazione delle rocce presenti in profondità nel suolo e con il risparmio energetico derivante dal ciclo produttivo a “caduta”.

 

botti nelle cantine Antinori

 

È quindi una cantina unica: incastonata dentro una piccola collina e divisa in tre livelli.

Nel primo livello c’è una fantastica vetrata con una vista mozzafiato sui vigneti, una piccola area relax con tavolo da degustazione e con la zona di scarico delle uve che andranno nel secondo livello.

Nel secondo livello ci sono infatti i tini da fermentazione, alcuni di essi sono sospesi e sono stati brevettati appositamente per Antinori (sono quelli in cui fermenta la miglior uva dell’azienda).

Il terzo livello è il più affascinante per il visitatore: una barriccaia con le barrique disposte in circolo con una saletta da degustazione.

 

La cena

Durante la cena ogni piatto, preparato dagli chef Alberto Basso e Cristiano Tomei, era accompagnato da un vino dell’azienda.

 

cena nella cantina Antinori

 

Il Vivia bevuto durante l’aperitivo mi ha sorpreso molto essendo un bianco prodotto in Maremma riesce ad avere una buona acidità e un boquet fruttato e floreale che lo rendono un vino fresco e leggero perfetto come aperitivo.

Durante la cena abbiamo invece assaggiato il Botrosecco, un rosso intenso e morbido con un boquet speziato, molto interessante è anche il buon rapporto qualità prezzo.

Infine il Poggio alle Nane: il rosso di punta dell’azienda che si presenta con un boquet armonioso, un gusto morbido e strutturato.

L’equilibrio e l’eleganza di quest’ultimo vino fanno capire il costo della bottiglia che può sembrare elevato, ma vi assicuro che è assolutamente giusto (circa 45€).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.